famiglia ARB

Sai cosa è la TCM?

Magari se ti chiedessi cosa è una RCauto, o cosa è una Polizza Incendio Abitazione, oppure un Fondo Pensione mi sapresti rispondere, ma… la polizza TCM sai cosa è?

Tranquillo, se hai risposto NO alla domanda rientri nell’80% di persone che, purtroppo, non conoscono il funzionamento di questa copertura.

Trovi di seguito tutto quello che ti serve per capire di cosa stiamo parlando.
Lascia però che ti anticipi che la TCM è…

Un gesto d’amore per la tua famiglia!

polizza tcm

“Gli assicuratori sono tutti ladri” oppure “Gli assicuratori pensano solo a riempirsi le tasche” oppure “Certe Compagnie non pagano”…

Quante volte hai sentito queste frasi?

Si, le abbiamo sentite anche noi e spesso fanno riferimento a comportamenti poco trasparenti o poco onesti di certi assicuratori che, sorpassando il codice deontologico a cui tutti siamo obbligati a rispondere, hanno messo i propri interessi davanti a quelli del cliente.

L’assicuratore, quello serio, però è un valido aiuto per la tua famiglia perchè ti potrebbe fornire gli strumenti adatti per coprire tutte le eventualità.

Tra queste c’è anche il caso peggiore e cioè la morte del capo famiglia

TCM: oggi non parleremo di cose piacevoli

Se pensavi di leggere un post “leggero” che facesse rferimento alla bellezza dei sentimenti legati alla tua famiglia, beh, forse ti deluderemo.

Vogliamo essere trasparenti, sinceri e… schietti!
La morte rientra tra le possibili cose che, purtroppo, possono far parte della vita all’interno della famiglia.

Magari in un famiglia che regge il proprio tenore di vita grazie a unico portatore di reddito, o una famiglia in cui c’è una sola figura genitoriale.

Non sappiamo quali possono essere tutti i casi, ma un cosa è certa: se viene meno uno o l’unico portatore di reddito, la crisi della famiglia si fa notare.

polizza tcm

TCM: un gesto d’amore perchè?

La TCM, acronimo che va a indicare Temporanea Caso Morte, è l’unica polizza che opera quando l’assicurato non c’è più.

Il beneficio della copertura verrà elargito agli eredi o ai benfeficiari designati in polizza.

Quale è quindi il gesto d’amore più grande?
Avrai pensato ai tuoi eredi anche per un momento in cui non ci sarai più.

Quando è bene pensarci?

E’ bene pensarci quando non si pensa a certe cose e cioè… da giovani!

Quando cioè il rischio è più basso e quando la tua giovane età ti permette di assicurare i tuoi cari pagando poche decine di euro all’anno.

In questo caso pensarci troppo, può essere fatale. E non vogliamo fare una battuta.

TCM: qualche esempio numerico?

Si, di seguito trovi un paio di esempi.

  • Uomo di 21 anni, Capitale: €. 100.000, non fumatore.
    Premio annuo: poco più di €. 98 l’anno
  • Uomo di 51 anni, Capitale €. 100.000, non fumatore.
    Premio annuo: circa €. 600 l’anno

Questi due esempi possono bastarti per capire quando operare per la tua famiglia?

polizza tcm

Chiedere una quotazione non costa nulla

Non importa a quale Compagnia ti rivolgerai.
L’importante è pensarci al più presto.
Noi, oggi, ti vogliamo aiutare a capitre cosa chiedere al tuo assicuratore per la copertura caso morte.
Di seguito le nostre indicazioni.

Capitale di una copertura “morte”

Uno degli elementi più importante è il capitale.
“Quanto vale la tua vita all’interno della tua famiglia?”

Lo so, la domanda è antipatica, ma utile.
Per fare questo calcolo dovresti considerare il tuo reddito annuo e moltiplicarlo per gli anni utili per “garantire la tranquillità alla tua famiglia”

Durata della polizza TCM

E quanto far durare una polizza?

La durata del contratto assicurativo TCM è un altro elemento importantissimo.
Nel caso di polizza a capitale costante il costo della polizza rimarrà invariato per tutta la durata da te scelta.

Quindi, se sei giovane, APPROFITTANE SUBITO!
Pensa oggi stesso alla tua famiglia e al loro futuro!

Fumatore o non fumatore?

Il fumo fa male, questo ormai è un dato di fatto.
E, nel caso della TCM, fa male anche al portafoglio 🙂

Il fumatore paga di più perchè il rischio aumenta. 
Attenzione a omettere questa informazione, nel caso in cui tu sia fumatore, perchè in caso di sinistro la Compagnia potrebbe non pagare o ridimensionare significativamente l’erogazione del capitale scelto.

Capitale aumentato in caso di infortunio stradale

C’è la possibilità che ti possa servire un aumento del capitale usato, e farlo usando una garanzia accessoria.
Si può raddoppiare o triplicare il capitale da te scelto in caso di morte causata da infortunio stradale.
C’è un sovrappremio da pagare, ovvio, ma non è come pagare una seconda polizza.

Granzia consigliata ai rappresentanti, alle guardie mediche, o a chi passa gran parte della giornata in auto.

Premio detraibile

Altra caratteristica della polizza TCM è il vantaggio fiscale.
In caso di persona fisica il costo della polizza sarà detraibile, in caso di società sarà deducibile.

 

Pensione arb

Pensione si o pensione no?

Sei un giovane lavoratore in cerca di un futuro roseo e con la speranza della pensione?

Sei uno dei pochi fortunati a godere della pensione, ma ti sei accorto che non ti basta?

Sei un libero professionista e credi che la pensione sia solo una chimera?

Le domande che ti sei posto in merito all’argomento… sono tutte lecite!

Siamo consapevoli del fatto che, variazioni legislative a parte, chi avrà la fortuna di andare in pensione dovrà necessariamente fare i conti in tasca per capire cosa lo aspetta.

Parlare di pensione oggi non è semplice, ma con questo articolo, se vorrai leggere, ti aiuteremo a trovare i punti di forza e di debolezza del sistema italiano e di come si può correre ai ripari per tempo.

Le criticità della Pensione

Parliamoci chiaro.
Tutti paghiamo l’INPS e tutti pretendiamo, a fine carriera, una pensione che sia adeguata al nosto stile di vita, all’importanza dei nostri anni di lavoro e sicuramente alla possibilità di vivere dignitosamente la nostra anzianità.

Ma il sistema è al collasso.

E allora che fare?

Le possibilità sono 2:

  • Soccombere e aspettare che arrivi il miracolo economico
  • Mettere già da subito dei soldi da parte per compensare il GAP

La prima possibilità non la voglio neanche considerare.
La seconda invece è consigliabile soprattutto per cercare di ridurre il divario tra stipendio (o fatturato) e pensione.

Esiste un modo per calcolare la pensione futura?

L’INPS ci viene in aiuto.
Nel link sotto, trovi il software per calcolare quale potrebbe (condizionale d’obbligo) essere la tua pensione futura.

CLICCA QUI

Provalo e poi fai i tuoi ragionamenti.

“Ok, ho sofferto abbastanza: la pensione futura non mi basta. Che faccio?”

Si, anche io come te ho sofferto come un cane nel vedere le cifre irrisorie che vengono fuori dalla nostra “pensione futura”.

Se anche tu sei un libero professionista e anche tu pensi che si deve fare qualcosa per incrementare e integrare la cifra che servirà a far vivere dignitosamente te, la tua famiglia e i tuoi figli, allora ho da darti alcune buone notizie.

Nel 2007 lo Stato ci ha dato la possibilità di pensare autonomamente alla nostra pensione dandoci una serie di possibilità.
Una su tutte: la deducibilità del Fondo Pensione (anche definito FIP) fino a un massimo di €. 5.164,00 l’anno

Cosa significa questo?

Ti voglio fare subito un esempio numerico.
Suddiviso in 2 casi: libero professionista e dipendente.

Caso 1: Libero Professionista che ogni anno fattura €. 40.000

  • Versa ogni anno la cifra di €. 5.000 per la propria pensione.
  • Per il pagamento delle tasse il nostro Libero Professionista dovrà pagare la % che gli spetta solo per €. 35.000 (cioè €. 40.000-5.000)

Caso 2: Dipendente che ogni anno percepisce uno stipendio di €. 36.000

  • Versa ogni anno la cifra di €. 5.000 per la propria pensione
  • Oltre ad avere l’abbattimento delle imposte, la % inerente il risparmio fiscale, gli verrà corrisposto in busta paga l’anno successivo

Epilogo

Lo Stato ha lasciato a noi la “patata bollente” della pensione, dicendoci che il sistema è al collasso.
Percepiremo una cifra dopo l’età pensionbile e gli anni maturati durante la nostra professione e abbiamo una certezza: non ci basterà!
Spetta a noi quindi decidere se intervenire e correggere subito questo ammanco attraverso dei versamenti volontari.

Come fare?

Potrei spiegarti qui le possibili soluzioni, ma l’unica cosa da fare per intervenire è fare da subito un check-up che ci aiuti a capire quale cifra destinare alla nostra pensione.

Qualora lo volessi, puoi concordare un appuntamento presso i nostri uffici e capirai, tra le molteplici soluzioni, quale è il fondo più sicuro e più remunerativo.

Trovi i nostri contatti QUI
Ti aspettiamo!